In uno degli ultimi post ho scritto che il motivo per cui mi si è inceppato il meccanismo “fine giornata/settimana: scrivo sul blog” è la FELICITA’. Bene, parlare della felicità, a quanto pare, porta sfiga. Nell’ultimo mese ho, nell’ordine: • fatto una corsa in ospedale per un malore di mio padre; • appreso che mio padre deve sottoporsi ad un intervento (niente di grave, ma pur sempre mi preoccupa); • dopo due anni e mezzo operano mia zia al ginocchio e prima la mandano in sala operatoria e dimenticano di non avere le protesi, poi la operano e dimenticano di mettere i punti di sutura ben stretti, poi resto accanto a lei la notte e scopro che sta con la febbre alta… un delirio, insomma; • mi hanno annunciato che la piccola azienda per cui lavoro chiude: dal primo febbraio sarò anch’io disoccupata. Ma io voglio vedere l’aspetto positivo anche stavolta: avrò più tempo da dedicare ai miei cari in questo periodo un po’ NO e nel frattempo proverò a realizzare uno dei miei sogni. Magari questo era lo stimolo che ci voleva. Grazie 2015, ma per ora ti puoi fermare qui con le novità.

Annunci